La cosa piu’ bizzarra e assieme inquietante della mia infanzia fu sempre quella piccola escrescenza tentacolare che mi cresceva dentro la corteccia cerebrale.
Era una vera e propria forma di vita, concreta almeno quanto me, che mi si ramificava dentro di anno in anno.

"Al compimento del tuo decimo anno" la sentivo parlarmi dall’interno della mia testa "Io spezzero’ il tuo cranio come un guscio, e tu sarai libero" .

Allora attendevo con l’ansia inquieta di chi si vedeva prossimo a un’appuntamento inderogabile quel momento. Ogni volta che qualcuno mi raccontava fiabe o storielle, cercavo di immaginarmi interagire fra i personaggi, pensando che, avendo gli anni contati, non potevo sprecare nessun secondo della vita che mi restava, e che dovevo vivere due volte piu’ di chiunque.
Presi a condurre quindi due vite: quella reale coi suoi odori, colori e forme, e quella dei sogni, dove ero io a creare ogni cosa. Il mio mondo onirico si espandeva, assumendo dimensioni preoccupanti, ed entrando presto in contrasto con la Cosa che cresceva nella mia testa.

Per salvarmi,dopo numerose consultazioni, i medici di tutto il mondo decisero di scindermi in due meta’ distinte. Una meta’ venne riempita dalla Cosa, l’altra fu inghiottita dal mondo dei sogni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...