Felsinea del Toboso

Quella serata gli sembrava quasi che le luci artificiali tagliassero le ombre come una danza triste.
Stanco di lottare contro i mulini a vento,il Poeta imbocco’ il fondo della sera e si diresse verso la Taverna.
"Un panino ai convenevoli" disse all’oste,entrando."senza congratulazioni."
"Ci vuoi anche un pizzico di ComeStai?"chiese il  zelante restoranteur.
"Due cucchiaiate,grazie,"rispose distratto.
Dopo consumato i convenevoli e aver sorseggiando un po’ di Scura,si stese sul divanetto del locale.
Di colpo irruppe nel locale l’Uomo Nero,con aria parecchio incazzata.
"Uhrm,Arf,bof…una birra."farfuglio’
"…oste del CAZZO."aggiunse frettolosamente.
Non appena senti’ quelle parole,il Poeta,che odiava il turpiloquio durante la digestione, si alzo’ dal divanetto,e senza dire una parola,avvicinandosi all’Uomo Nero,si sbottono’ la patta dei pantaloni e inizio’ a pisciargli sui calzoni.
L’uomo Nero resto’ immobile,lasciando scorrere l’urina ,poi,esattamente un secondo dopo che il Poeta ebbe terminato anche la rituale sgrullatina.si alzo’ di scatto e lo attiro’ a se’,alitandogli in faccia poche parole.
"Chiudi gli occhi.Stai per volare coi fottuti uccellini,nel Paradiso delle teste di minchia."
"Oh,se e’ cosi’,sono davvero costernato.Per tua madre intendo.Sentira’ la mia mancanza."replico’ il Poeta con un sorriso.
L’uomo Nero inizio’ a strangolarlo con la forza di mille orsi.
il Poeta,semplicemente,lo guardo’.
Dentro i suoi occhi c’erano due piccole stelle.L’uomo Nero si senti’ prima divampare di calore,poi senti’ un freddo polare.
Alla fine,lo sguardo del Poeta si spezzo’ in tanti piccoli frammenti di vetro che si conficcarono nel cuore dell’uomo Nero,facendolo urlare e contorcere sul pavimento.
Venne lasciato cosi’,come un libro mai finito e lasciato a meta’.Il Poeta pago’ e si tuffo’ senza perdere tempo fuori dal locale,incontro alla notte.
I vicoli bui erano vuoti di paura,contenevano solo sporco.
Le antiche pietre del centro storico non avevano nulla da dire.
Il Poeta giunse davanti casa,giro’ la chiave nella toppa ed entro’ nel mondo dei sogni.
Steso sul letto,con gli occhi semichiusi,faceva sciogliere in bocca il gusto intenso di una pelle ,ormai lontana.
Apri’ le braccia come un piccolo cielo,mentre le mani stringevano il tocco dell’aria messaggero di ricordi.
Gli parve di sentire di nuovo quell’intreccio di curve che ormai conosceva,quel piccolo corpicino che gli mancava nell’ombra.
"Sono qui,piccola.sono con te."
Stavolta non avrebbe fatto nessun errore.Le sue mani sarebbero state una pioggia tiepida,il suo sorriso non avrebbe avuto ombre,pronto a rassicurarla.
Non ci sarebbe stato bisogno di parole.

Lei era li’.

I suoi occhi avevano al centro due stelle bicolore,come un cartone animato.
La sua bocca era una rosa che sbocciava piano sulle labbra del Poeta.
Sentiva vibrare ogni atomo di Lei.La sua presenza discreta.Il suo sorriso malinconico e assieme ammaliante.La sua testolina coi capelli elettrizzati che rilasciavano a ogni carezza scariche di tempeste indimenticabili.
La sentiva di nuovo parlare,ridere furbescamente.La vedeva ondeggiare quel capino sempre attivo e pieno di idee.La guardava sognare ad occhi aperti mondi bellissimi.
Fu allora che le piccole fessure di luce lasciate dalle palpebre schiuse del Poeta iniziarono a farsi piu’ fioche.

"Fammi evaporare come brezza lungo i suoi sguardi che sanno di mare"
Siccome era li’,solo al buio,si immagino’ nell’aria una carezza invisibile a sfiorargli le guance.
"Ti amo".sussurro’.

Il manto della notte si stese su di lui.

Annunci

4 thoughts on “Felsinea del Toboso

  1. chrisrain000

    ho provato a seguire a ritmo l’ orbita della terra ma ancora non ho capito cosa rappresenti quella foto.
    l’ ultima frase è incredibilmente enigmatica, l ‘interpretazione sta tutta nell’ appartenere alla schiera dei romantici o dei cinici decadenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...