Incipit

La signora R. rientrò in casa, dopo la spesa. Chiamò Sofia, la  figlioletta,  affinché  l’aiutasse.

Sentì invece che piangeva.

La vide in un angolino, coperta di lacrime.
” Che cosa è successo? ”
” Ho sognato il diavolo ”  disse Sofia.


La signora R. fece uno sguardo cupo. Cercò di calmare la piccola, e attese la notte.
Non appena  ebbe messo a letto Sofia si nascose nella sua stanza, dentro l’armadio,  in modo da poter sbirciare.
Le ombre proiettate dalla lampada si allargavano fino a toccare il soffitto. Da esse  germogliò la sagoma di un ragno gigantesco.
Si calava lento,  verso il letto della bimba .


La signora R.  sentì nella testa come uno schianto.
Il ragno aveva la sua stessa faccia.
Balzò fuori dall’armadio, brandendo un punteruolo da ghiaccio, e iniziò a urlare.
Sofia si svegliò di soprassalto, il ragno si dissolse.

La faccia della signora R. divenne un’enorme, deforme risata. Una voragine aperta nel vuoto.

Annunci

3 thoughts on “Incipit

  1. VIQUE

    impressionante questo intreccio di sogni;hai trovato una creatura-il ragno-molto efficace per rendere questo racconto molto vissuto
    paura matta dei ragni!
    🙂
    ciao dai Giramundos
    Lorenzo Anne Veronica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...