Streams of Bad Consciousness

Che cazzo me ne frega, a me, del conflitto di interessi?
Che me ne viene in tasca, se mi parli della salvapreviti?
Lavoro dalle nove del mattino alle dieci di sera, poi torno a casa e mi trovo il quartiere invaso da negri, albanesi, droga e prostituzione
Io, ogni tanto, il sabato esco con gli amici, così, per scherzare…  a volte carichiamo in macchina certe rumene, che non ti dico. Quanti cazzo di anni c’ avranno?
" Sedici anni! Roba da matti! Ce l’hai  il fidanzato? "
" Come potrei, col lavoro che faccio?"
Bravi, eh gli immigrati?  Guarda come trattano di merda le donne!  Anche per questo li odio.
" Cosa? Cento euro? Ma vai a quel paese, puttanella! Ma chi cazzo ti credi di essere! ".
( Che poi secondo me se fanno davvero quel lavoro lì, tutte le sere, un pochino si divertono, eh! )
Anche perché le campagne sono piene di pomodori da raccogliere, a cinque euro l’ora, se uno vuole.
Invece questi, hanno trasformato la città in un’inferno di perdizione!
E mi parlano pure  di integrazione?
Ma, dico io, tengono ancora le frontiere aperte? E’ peggio del Bronx!
Questi arrivano da terra, da mare, si riproducono come conigli, bisognerebbe  prenderli a cannonate appena si avvicinano alla costa…
Oh, no, io non sono leghista, ma quando Calderoli o Bossi  parlano di fucili un po’ mi stanno simpatici.  Penso ai clandestini tristi, puzzolenti, caciaroni, ai cannoni, a loro che urlano.
Penso alla nube di fumo che si disperde, e poi, finalmente, pace e silenzio.
Le nostre paure sono sensate, reali, non siamo razzisti.
Vogliamo solo un po’ di controllo,  di tranquillità, non ci piacciono i campi di concentramento.
A parte che questi, quando vanno in carcere, si fanno la vacanza pagata.
CPT? E che cazzo sono? Boh, se li mettono là dentro, qualcosa avranno fatto.
Penso a questi straccioni che mi guardano, tristi, puzzolenti.
Mi fanno pensare alla  faccia da sfigato che c’ho pure io, ai conti da pagare, alla scuola che non ho finito, al successo che non ho avuto.
Alle cose che vorrei, che mi osservano riflesse, nello schermo della televisione.
Tipo quel ragazzo del Grande Fratello, l’altra sera.
Faceva l’operaio, come me.
Dice che si era stufato di alzarsi tutti i giorni alle cinque del mattino.
Ora sta lì, in mutande, in piscina, in mezzo alla fregna.
E pure lui mi piglia per il culo.
Lo ammetto, vorrei puntare e far fuoco. E’ normale, no?
Abbiamo tutti paura di uscire di casa.
Forse abbiamo paura di fare uscire qualcosa, dalle nostre case.
Qualcosa che dovrebbe restare dentro.
Io invece…  se arrivasse il momento di dovermi difendere come si deve, non avrei certo paura.
E finalmente mi rilasso. Rido.
Come si meriterebbero due o tre fucilate quei negri di merda che aprono le botteghe, che vendono tre volte tanto, e  poi sono vestiti meglio di me! Ho visto il pachistano della bottega qui a fianco, su un manifesto, vestito di tutto punto, candidato in una lista civica.
Non solo vogliono votare, pretendono pure di comandare, adesso!
I diritti… ma quale scala mobile, ma quale sicurezza dei lavoratori.
Vuoi diritti? Lavora, guadagnati il pane prima,  non rompere il cazzo, come faccio io!
No, perché dopo un po’  si sistemano in pianta stabile, i signorini, e  vogliono pure la casa!
Mia sorella la casa non se la poteva comprare, c’aveva bisogno pure lei, che credete?
Ma al  Comune, in lista d’attesa ci finiscono sempre rumeni e albanesi.
Allora io ci ho detto: " Chiama uno di questi albanesi zingari, se gli dai trenta euro quelli ti vanno a scassinare un appartamento vuoto.
Ma quale occupazione abusiva? Eh, che cazzo ci vuoi fare, se la legge non funziona, i poveracci si fan giustizia da soli! O no?
Io, per esempio , quando vado in macchina a comprare la pizza o le sigarette non trovo MAI posto.

L’altro giorno mi è arrivata una multa coi fiocchi, meno male che c’ho un cugino vigile. Che poi, dove sono sti immigrati che lavorano? Io vedo solo negri che spacciano droga, ogni volta che vado a comprarmi due grammi di libanese. 
Il problema dell’Italia è che ci vogliono SOLDI! Dobbiamo produrre, produrre, produrre, altrimenti i cinesi ci faranno il culo!  Se  nel frattempo cacciamo tutti gli operai negri e cingalesi che lavorano per due soldi, magari poi le stesse fabbriche puzzeranno meno di merda.

Io non ce la faccio più a campare, accendo la tv e parlano solo degli avvisi di garanzia a Berlusconi.  Hanno rotto le palle con tutti sti scioperi che fanno. Tassisti, camionisti… sempre in vacanza! Bella la vita! Poi  tocca sempre  a me accompagnare i bambini a scuola!
L’ospedale? Grazie a Dio stiamo tutti bene. A mia madre gli paghiamo pure l’ospizio, pur di non vedercela morire davanti.
Berlusconi, Tanzi, Cragnotti, D’Alema, il Conte Dracula, chi se ne frega chi va al governo? 
Io voglio che mi tolgano il bollo auto, tutte ste’ tasse di merda, che non ce la si fa più a campare!

 E vaffanculo all’Unione europea e a tutti i comunisti finocchi, quasi quasi voto Berlusconi, così imparano!

________________________________________

Non ci credo. E’ un incubo.
Da domani inizieranno morte, devastazione, dolore.
Ohi, me lassa! Me tapina! Da domani, l’Apocalisse!
E tutto per colpa di Beppe Grillo e degli astensionisti.
Tutto per colpa del voto utile.
E’ tutta colpa di… 
Sì, è tutta colpa vostra!
Dite che forse dovremmo riflettere seriamente sull’accaduto.
Che il lavoratore non si riconosce più nel nostro messaggio.
Andiamo! E’ ridicolo!
Cosa dovrebbero votare, se non scelgono noi?
Abbiamo ascoltato per anni il grido di dolore delle masse oppresse.
Avete presente, le masse oppresse?
Quelle care, vecchie facce infreddolite davanti ai cancelli della fabbrica…
Quelli che nell’armadietto tengono la foto di Lenin!
Come sarebbe a dire non esistono più?
Come sarebbe a dire " L’eskimo fa cacare? "
Oh, sarete mica diventati dei fighetti pure voi?
Che vuol dire " Non passo in sezione, sono stanco, resto a casa a guardare il Grande Fratello?"
Santo cielo… ma in che cazzo di paese ci tocca fare politica?
Mi pare ovvio che l’operaio debba schierarsi con noi.
Voglio dire, noi siamo il Bene. Siamo quelli che predicano la Verità.
Come hanno fatto a non accorgersene, quegli ignoranti burini razzisti del Nord?
Beh, è ovvio che se fai l’operaio, non sei mica tanto intelligente.
E quindi, beccati Berlusconi.
Avremo un governo solido e probabilmente duraturo? Ma chissenefrega!
Il Paese mica ha bisogno di certe cose!
Quello lì è il Male! L’abbiamo detto e ripetuto per anni!
E voi lo eleggete in piena autonomia e libertà, gli stessi diritti che lui vuole togliervi?
Non vi meritate la libertà, se la usate con così tanta… libertà.
Dai, su, ammettetelo. E’ colpa della TV.
Di Emilio Fede. Dell’Ipnorospo.
Vi hanno ipnotizzati, confessatelo.
Beh, se non è così, vi meritate tutto quello che succederà con lui al governo!
Morirete di fame! Patirete il freddo! Vi ridurrà con le pezze al culo!
Come dite? " Anche tu? "No cari miei.
Io vado a vivere in Spagna, in Danimarca…vi guarderò da lontano, prendendovi per il culo.
Cosa significa: " Ancora qua, stai? "
Non scherzo, eh? Me ne sto andando davvero!
Perché restare? Per quale motivo  ricominciare da capo, ricostruire il dialogo con la gente?
Perché dovremmo parlare con voi,  ragionare insieme su questa sconfitta?
A che serve affrontare problemi e paure, magari provando a esorcizzarle?
Cos’è tutta questa storia di cambiare leader solo perché la gente è insoddisfatta da essi?
Avete votato razzisti e mafiosi. Non siete puri.
Siete solo ignoranti, tutto si spiega così.
Anzi, vi dirò, questa condizione extraparlamentare è pure figa.
Da domani scendo in strada, faccio vedere a tutti quanto sono ganzo, con la mia aria da incompreso.
Nessuno in questo paese di merda capisce i nostri sacri ideali.
Quindi, perché sbatterci a divulgarli?
Che figata… sono un emarginato!
Forse… forse ho sempre voluto esserlo.
Anzi, sai che ti dico? Forse la vittoria di Berlusconi è una manna dal cielo.
Finalmente torneremo a essere la sinistra di una volta.
So cosa farò: mi rifugerò sui Colli Euganei, mi butterò sui libri, sui dischi, nel nobile movimento cinematografico indipendente Boaro..
A che serve combattere, quando posso frignare?

Annunci

10 thoughts on “Streams of Bad Consciousness

  1. utente anonimo

    Grossi applausi per il post.

    Per quanto mi riguarda, da ora in poi voterò la Lega dell’Amore.
    La loro posizione politica è anche facile da capire.
    Lo statuto sta tutto in una sola riga, che dice gioia, fratellanza, cuore, amore, mamma t’amo e nulla più.
    😀

  2. FiocoTram

    >ma mi puoi dire quali sono le tue istanze che solo l’arcobaleno rispecchia?
    >Giusto per capire…
    Ci sono una serie di piccole cose che già anni fa mi facevano totalmente ignorare il partito di Di Pietro come probabile rappresentante. Ci fu il discorso di Di Gregorio, che zampettava come un folletto da uno schieramento all’altro, anche se ora dovrebbe essere fuori .C’è stato l’appoggio alla società costruttrice del ponte sullo stretto. Ci sono ancora oggi le candidature di immagine , tipo quelle degli antipedofili. Insomma, poi magari mi sbaglio, ma la mia percezione, a pelle, sembra un partito molto più ” centrista-conservatore” rispetto alle mie posizioni. Specie quando do un’occhiata allo statuto, che tra i valori parla anche delle radici cattoliche occidentali, mentre io sarei per mantenere almeno la politica più laica che si può. Di Pietro è un gran personaggio, ed è lodevole l’impegno per la legalità dato con le liste di candidati puliti. Ma ancora non riesce a convincermi. Finora l’unica cosa che condividevamo era l’anti-berlusconismo: vedremo adesso cosa combinerà. L’asse Pd-IdV ancora adesso non riesce a sembrarmi una vera opposizione. Sono disposto a ricredermi, a seconda di come andranno le cose.

    >poi guarda che gli operai che hanno votato lega non l’hanno fatto tutti per paura dello straniero.
    >ho sentito dire da alcuni sindacalisti, il giorno dopo le elezioni, che la fiom ha dato quella direzione
    >di voto. la FIOM, capisci?!
    Simi: capisco perfettamente il dramma di votare nella tua regione ( anch’io dalle mie parti ho dovuto ingoiare un bel rospone ) e non biasimerei nessuno per il risultato.
    Io la interpreto così: il razzismo in realtà entra in un margine di ragionamento più ampio: di fronte alla crisi nera, le persone pensano principalmente ai cazzi propri. E quindi, votano per l’interesse personale. E’ un discorso che va bene sia al Sud che in Sicilia. Da noi l’unica fonte non dico di speranza, ma di sopravvivenza, è la protezione del vicerè mafioso di turno che compra voti. Al Nord, l’illusione di sopravvivenza è data dalla fantomatica indipendenza padana, con tutto il corredo di idee balorde del commerciante che pensa di poter governare il suo piccolo feudo alleggerito dalle tasse dei parassiti che ” stanno sotto” , e che si sente tanto povero e sfortunato da avere il diritto di chiudere le porte di casa sua a qualsiasi infiltramento sociale provenga dalla linea immaginaria che li divide dal ” Terzo mondo”. Questo secondo me tocca anche le sfere sindacali. Perché alla fine i precari di oggi sentono di ricevere da destra risposte ben più concrete, per quanto grossolane, rispetto all’idealismo di sinistra.
    .Se voglio intercettare un ascoltatore, comunicandogli il mio messaggio, devo tener conto che egli non possegga i miei stessi strumenti culturali. Nel mio Dna ritengo di avere i diritti dei lavoratori, la cultura nonviolenta, l’intergrazione interculturale.
    Per trasmettere ad esempio che la guerra, sia quella delle missioni all’estero sia la guerra tra poveri tra autoctoni e immigrati è dannosa, devo trovare un terreno COMUNE di discussione, che faccia capire anche a chi non è mai uscito da Busto Arsizio o da Caropepe quanto siano dannose queste cose. E secondo me, forse sono superficiale, forse mi sbaglio, la sinistra per come la intendiamo ha perso la capacità di parlare in questo modo. Ora c’è da rimboccarsi le maniche e sperare di ricostruire sia quello che si è frantumato in mille pezzi, sia che l’opposizione, al di là dei discorsi sulla giustizia e la lotta contro Berlusconi, provi a tener presenti certi valori. Sempre considerando che quel che mi importa è votare gente che mi rappresenti e che abbia la testa orientata a GOVERNARE, invece che chiudersi nella riserva indiana. Vedremo come andranno i prossimi anni.
    Alla fine, sintetizzando questo popò di discorso è simile a quel che facevi tu:
    >Non sono tutti “beceri ed ignoranti” quellli che hanno visto, per esempio, nella lega un’alternativa alla sinistra. secondo me >sono soprattutto persone che vogliono risposte.
    >e l’arcobaleno non ne aveva per nessuno.
    Ed è quello che volevo esprimere nel mio post, calandomi in un tipo di mentalità, forse finendo nell’errore di estremizzarla, caricarla negativamente. Ma lì conta soprattutto il mio tentativo di giocare con le contraddizioni.

    A proposito: chi MINCHIA era quell’utente anonimo? ^^;

  3. simichan

    e poi guarda che gli operai che hanno votato lega non l’hanno fatto tutti per paura dello straniero.
    ho sentito dire da alcuni sindacalisti, il giorno dopo le elezioni, che la fiom ha dato quella direzione di voto. la FIOM, capisci?!

    e parlando del sud… secondo te un abitante della campania poteva votare pecoraro scanio? poteva votare un arcobaleno che continua ad appoggiare bassolino?

  4. simichan

    poi magari continuiamo a discutere (anche se io e te non è che possiamo cambiare il mondo, e non siamo neppure vertici di partito…) ma mi puoi dire quali sono le tue istanze che solo l’arcobaleno rispecchia?
    Giusto per capire…

  5. FiocoTram

    >nella lega un’alternativa alla sinistra. secondo me sono soprattutto persone che vogliono risposte.
    e l’arcobaleno non ne aveva per nessuno.

    Oh.
    E’ esattamente QUESTO il punto.
    E mi sarebbe piaciuto davvero tanto che non fosse così, dato che ho continuato a votare Arcobaleno, sia alla camera che al senato.

    Non siamo riusciti a convincere l’elettorato a cui ci rivolgevamo.
    Possiamo prendercela all’infinito coi fantasmi, ma è questa la verità.
    Dobbiamo capire perché, e in fretta.
    E porre rimedio, tentare di rinascere.
    Non dico riuscirci subito, ma almeno tentarci.

    Io non mi sento rappresentato dal PD. E, purtroppo, non mi sento rappresentato da Di Pietro. Non voglio che si smetta di parlare di certe cose, le stesse che mi hanno convinto a votare arcobaleno proprio perché erano gli unici a rispecchiare certe mie istanze.

    Poi, come tutti, rimango sconvolto dai risultati elettorali, e mi metto a leggere i commenti in giro per la rete o in tv.
    E, ragazzi, potrà non piacere quello che scrivo, in alcuni punti ci ho ricamato un po’ sopra, ma è esattamente QUESTO quello che ho trovato, riportandolo paro paro.

    E’ VERO che ci sono operai che ammettono, contenti, di aver votato Lega perché era l’unico soggetto politico ad accogliere le loro paure in merito alla difficoltà di convivere con gli immigrati, senza trattarli in modo sottinteso come razzisti ignoranti.
    Intendiamoci, sono convinto anch’io che la maggior parte della paura dello straniero sia manovrata ad arte, come capro espiatorio mediatico, ma comunque nelle città ci sono determinati problemi di integrazione per cui la gente che ci vive chiede risposte.

    Potremmo organizzare sit-in informativi, feste interculturali, iniziative che stimolino la convivenza tra autoctoni e immigrati, non lo so, qualsiasi cosa. Di certo quanto abbiamo fatto ora non bastava.

    Allo stesso modo, mi sono arrabbiato nel vedere tutti questi commenti pessimisti e piagnucolosi in chi ha perso. D’accordo, la batosta è stata grossa, ma proprio per questo bisogna reagire, cazzo.
    Il discorso del tipo che quasi quasi ringrazia Berlusconi di aver vinto, oppure quello che da apertamente dei caproni ignoranti agli operai da cui si aspettava il voto, sono COSE VERE.

    E mi fanno accapponare la pelle, allo stesso modo delle derive xenofobe-secessioniste di queste ultime elezioni.

  6. Flounder

    ho letto questo post convinta di essere in un altro blog, in cui sarebbe stata scritta una cosa molto simile, e scendendo nei commenti ho trovato il tuo e mi son detta: toh, lo legge anche fiocotram.

    sono distratta, è vero.
    però vi apprezzo molto 😀

  7. simichan

    E’ un discorso complesso e pericoloso.
    Non sono tutti “beceri ed ignoranti” quellli che hanno visto, per esempio, nella lega un’alternativa alla sinistra. secondo me sono soprattutto persone che vogliono risposte.
    e l’arcobaleno non ne aveva per nessuno.
    se il duo silvio-Ualter non approfitterà del momento per eliminare il proporzionale e disintegrare la sinistra, e se la sinistra saprà capire COME ricominciare, invece di ‘andare sul colle’, allora forse rinascerà come la fenice.

    non posso credere che quelli del pd siamo convinti, quando dicono che l’Italia ha capito che il ‘comunismo’ è fuori tempo massino. qui non si tratta di essere ‘comunisti’, si tratta di rappresentare una parte sociale.

    per quel che mi riguarda continuerò a seguire di pietro finché loro non mi dimostreranno che vogliono essere anche la MIA voce.

    a parte tutto questo sproloquio….siamo rovinatiiiiii

  8. FiocoTram

    >Ok, prendersela con il masochismo e >l’ignoranza dell’elettorato Italiano e >avere l’idea di mandarlo a fanculo >andandosene altrove e’ da >pseudointellettuali snob, fighetti e >vigliacchi.

    Macché. Dipendesse da me emigrerei in Svezia già domani. E’ che LORO non mi vogliono.

    >Cosa propone Vostra Costruttivita’?

    Niente. Rimango qui a sperare in una sinistra che abbia capacità di riprendersi da questa batosta enorme, ripartendo da zero, provando a riconquistare i voti degli ignoranti e dei masochisti, che avranno avuto i loro motivi, per quanto beceri fossero, nel fare scelte del genere.
    Tutto questo, mentre spero che in Svezia si decidano a cambiare idea sul mio conto.

  9. utente anonimo

    Ok, prendersela con il masochismo e l’ignoranza dell’elettorato Italiano e avere l’idea di mandarlo a fanculo andandosene altrove e’ da pseudointellettuali snob, fighetti e vigliacchi. Cosa propone Vostra Costruttivita’?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...