Ucciderti? Io non voglio ucciderti, che farei senza di te?

Credo che  Batman, il Cavaliere Oscuro, sequel del fortunato " Batman Begins", sia superiore almeno di due punti rispetto a quest’ultimo.
 Tutte le mie perplessità sul Batman di Nolan si basavano su due cose: la mancanza di un degno supercriminale e l’assenza di un’intreccio meno bambinesco che giustificasse questa versione del Cavaliere Oscuro improntata al thriller e al realismo.
In questo secondo film il lato thriller è supportato da una trama migliore, che non lascia niente al caso. Ogni protagonista ha un ruolo definito, ogni situazione si sviluppa in direzioni imprevedibili, ma plausibili, senza stronzate tipo il piano segreto da fumetto che elabora Liam Neeson nel primo film.
Altro aspetto da non sottovalutare, il tono cinico, disperato, violento. Questo è il primo film di supereroi " da grandi": non è congegnato come il classico prodotto furbo che strizza l’occhio ai bambini né tantomeno agli adolescenti.
L’avventura  e le sboronate tecnologiche si alternano a momenti nerissimi, sanguinosi,  graffianti pennellate horror.
L’interpretazione di Ledger è in perfetto tono col realismo del film. Viene dipinto come un terrorista pazzoide pieno di tic nervosi, tanto verosimile da far sentire una vittima inerme persino lo spettatore.
Una sola cosa non mi ha convinto: Due Facce.
La sua evoluzione in personaggio negativo mi è sembrata affrettata e contraddittoria.
Il doppiaggio è fatto male, come è tradizione nelle pellicole che escono o vengono prodotte nel periodo estivo. Santamaria farebbe bene a tornare al suo mestiere. Se potete, riguardatevelo in lingua originale.

Annunci

4 thoughts on “Ucciderti? Io non voglio ucciderti, che farei senza di te?

  1. FiocoTram

    ( ATTENZIONE SPOILER, non continuate a leggere se non avete visto il film )

    Il figlio di Giannini su Joker è stato molto bravo, su questo non discuto.
    Mi ha convinto soprattutto la resa di certi tic vocali del personaggio.
    Ma nel giudizio complessivo, gli altri doppiatori avrebbero dovuto impegnarsi di più.
    La qualità è da film televisivo, mentre questa è una pellicola d’autore che meritava un trattamento più degno.

    Su Dent: quello che contesto non è la somiglianza col personaggio a fumetti.
    Il problema è che Nolan ha creato una sceneggiatura precisa, in cui ogni elemento si incastra bene nel quadro generale.
    Dent doveva diventare il martire, la purezza che viene corrotta dal Joker.
    Ok, ci può pure stare.
    Ma se devi descrivere la caduta di un uomo, non puoi farlo contraddicendo tutto quello che hai mostrato nella parte precedente del film.
    Dent era stato dipinto come un uomo tutto d’un pezzo, deciso a fare del bene. Uno che tra l’altro sapeva benissimo a cosa andava in contro facendo quel mestiere.
    Persino Batman lo considerava ormai come un successore, e di certo un tipo preciso come Bruce non affiderebbe la sua sacra missione a un tipo che mostra segni di pazzia.

    Poi succede quello che succede, e vabbé… posso pure capire, con quel che gli capita, che diventi pazzo.
    Ma perché non dirige la sua rabbia verso il principale responsabile, ovvero Joker?
    Perché sta lì ad ascoltarlo, e si lascia convincere nell’intervallo di tempo di una chiaccherata, in cui tra l’altro Joker dice delle cose abbastanza prevedibili ?
    Il succo del suo discorso è: ” Beh, i tutori dell’ordine sono noiosi e soffrono sempre, mentre io predico il caos e mi diverto da matti! So che ti ho ammazzato la ragazza e sfigurato mezza faccia, ma tu unisciti a me, ci divertiremo! ”

    Mi sembra un po’ poco per convincere qualcuno a passare dalla tua parte, specie se a questo qualcuno hai ucciso l’essere che amava più della vita stessa.
    Un po’ come se Bruce Wayne fosse diventato apprendista del ladro che uccise i suoi genitori.

    No, non mi convince.
    Penso che alla fine Nolan abbia preferito sacrificare la coerenza psicologica del personaggio di Dent alle esigenze della trama.

    E’ per questo motivo che sono sempre più convinto che nei film di supereroi basta UN antagonista, non duecento.
    Se metti più di un supercriminale, si perde di vista l’equilibrio.
    Anche in film ben costruiti come questo.

    Riguardo Due Facce, non contesto la scarsa somiglianza con il personaggio dei fumetti.
    Avendo tra le mani personaggi così complessi, che hanno avuto decine di incarnazioni, alla fine non è un peccato mortale se anche Nolan ha deciso di dare la sua versione.

    Il fatto è che Batman Dark Knight è un film dalla sceneggiatura precis

    Ok.

    Ma se vuoi usare in questo modo un personaggio, piegandolo alle tue esigenze narrative, devi farlo in modo logico, coerente con quanto raccontato prima.
    Nel primo tempo del film Dent è un uomo forte, convinto di voler fare del bene, e preparato a qualsiasi sacrificio. Uomini del genere sanno bene quel che gli può succedere.
    Persino Batman lo
    Se Dent impazzisce, per quale motivo non rivolge la sua rabbia al principale responsabile del suo dolore?
    Perché, nello spazio di una chiaccherata, si lascia convincere a sposare le ragioni del suo avversario?

    Alla fine cosa gli dice il Joker?
    Sintetizzando, potremmo riassumere:
    ” Ah sai, quelli che cercano di far rispettare l’ordine sono noiosi, io invece mi diverto un sacco a fare casino. So che ti ho mangiato mezza faccia e ucciso la ragazza, ma dai, unisciti a me, ci faremo un sacco di risate! ”

    Non mi sembra tutto stò gran capolavoro di manipolazione psicologica, tanto da far cambiare completamente e per sempre la vita di un uomo.

  2. simichan

    Concordo con te su tutto, soprattutto col fatto che l’unico neo è il personaggio di due facce. Devo ricordarmi di andare a leggere nel fumetto originale in che modo si sviluppa la sua storia…
    anzi: vado a farlo proprio ora!

  3. JoeNix

    Anche a me è piaciuto ma perchè conosco i personaggi. Ma ai miei compagni di visione, nn eruditi, è sembrato esagerato e un po’ campato per aria.
    L’unico commento negativo mio è che è troppo lungo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...