Eroi?

" Fanculo il successo. Voglio una vita, ecco.
 Voglio una casa. Voglio innamorarmi, bere una birra in pubblico, andare in libreria e scegliermi un libro leggendo la quarta di copertina.

Voglio passeggiare, prendere il sole, camminare sotto la pioggia, incontrare senza paura e senza spaventarla mia madre.

Voglio avere intorno i miei amici e poter ridere e non dover parlare di me, sempre di me come se fossi un malato terminale e loro fossero alle prese con una visita noiosa eppure inevitabile.
Cazzo, ho soltanto ventotto anni!

E voglio ancora scrivere, scrivere, scrivere perché è quella la mia passione e la mia resistenza e io, per scrivere, ho bisogno di affondare le mani nella realtà, strofinarmela addosso, sentirne l’odore e il sudore e non vivere, come sterilizzato in una camera iperbarica, dentro una caserma dei carabinieri – oggi qui, domani lontano duecento chilometri – spostato come un pacco senza sapere che cosa è successo o può succedere (…)".

Roberto Saviano

In questo paese che santifica i mafiosi in carcere, che parla di convivenza con l’illegalità, ed escogita rimedi da azzeccagarbugli per non far andare in galera i cittadini più ricchi.
In questo paese di gente perbene, fino a quando si tratta di ricevere, e in cui tutti si sentono anarchici, ribelli, e dissidenti soltanto quando c’è da dare qualcosa.

In questi quartieri, strade, piazze, in cui l’indignazione popolare è forte soltanto quando si solleva contro quelli che fanno il loro mestiere in maniera troppo rigida e noiosa, per chi ormai trasgredisce per abitudine e cultura, rinnegando lo Stato, ma continuando a rifugiarsi sotto quell’ala protettrice, quando si tratta di chiedere protezione per le proprie masserizie.
In questo paese che parla di eroi, di martiri, soltanto per renderli lontani, divini, irraggiungibili dal modo di vivere comune, e in cui santificare significa dimenticare…

…c’è ancora posto per la memoria, per la diffusione delle idee, dei fatti, e delle opinioni.
Si può ancora sognare e combattere per una vita diversa. Anche le Torri più invincibili sono costruite da uomini come noi.  E questo vuol dire che in cuor nostro sappiamo come distruggerle.
La nostra stupida contraddizione consiste nel fatto che per non rimanere soli, lasciamo soli gli altri, propro nel momento in cui bisogna essere uniti.

Parole come Camorra, Mafia, sono ridicole, se usate per definire qualcosa che va oltre la delinquenza locale. Si parla di vere e proprie imprese internazionali, capaci di smerciare rifiuti o materiale plastico perfino nei prodotti delle industrie gastronomiche di tutto il mondo, di contaminare le falde acquifere, distruggere terreni.

Seppellendo assieme ai rifiuti il futuro della gente.
La sola esistenza di queste realtà mette in moto una serie di meccanismi che condiziona le nostre vite in modo ben più profondo di quello visto al cinema, coi mafiosi da operetta, o nella fiction televisiva.

La forza del libro di Saviano non sta unicamente nell’autore, nel singolo coraggio di un "eroe" irraggiungibile, ma nella diffusione dei contenuti. E’ troppo facile e distorto parlare di coraggio e di eroismo in un paese consacrato alla retorica, che nel corso della sua storia ha sempre mandato a morte la gente con dei discorsi ben congegnati.

No, dobbiamo renderci conto della forza dell’informazione e del dissenso collettivo, al cui confronto l’eroismo non è nulla.
Proprio per questo motivo è stato il successo raggiunto da Saviano, l’appoggio dato dai lettori a far tremare le fondamenta del " sistema mafioso, molto più del suo singolo impegno come scrittore. Ed è l’unica cosa che può fargli ancora paura.

Noi tutti possiamo continuare, collaborare, far circolare fatti e opinioni.
E’ ora di rendersene conto, perché la vera morte, la vera minaccia, arriva quando si lascia solo chi ha il coraggio di parlare per primo.

Annunci

5 thoughts on “Eroi?

  1. FiocoTram

    Margherita, auguro una buona domenica anche a te:)
    Però scusami se cancello il tuo commento, odio le scritte glitter sul mio blog.
    Spero che la cosa non ti offenda:)

  2. FiocoTram

    Lui la sua parte l’ha fatta, e farsi ammazzare non risolverebbe nulla.
    Adesso sta a noi.

    Quanto a Maroni, che mi delude perché pensavo fosse l’unico leghista con cui si potesse dialogare, ha fatto una puntualizzazione inutile, e pure un pizzico volgare. Come a sottintendere che chi si espone in prima persona cercando la verità sia soltanto un cacciatore di fama e gloria.

    Fa il paio con quest’altro esempio di squallore:

    http://it.youtube.com/watch?v=WJMhc2GBUL4

    ( in genere Emilio Fede fa tutt’al più ridere. Qui fa venire voglia di prenderlo a sberle).

  3. LaMusa83

    E che dire di Maroni che, come scrive Repubblica.it, “ridimensiona” Saviano dicendo che non è lui il simbolo della lotta alla criminalità organizzata, ma che i veri eroi sono magistrati e forze dell’ordine? Non mi risulta che Saviano abbia mai avocato a sé il titolo di unico difensore dei valori della lotta alla camorra. Anzi, mi risulta che abbia spesso fatto i nomi di chi per mestiere combatte ogni giorno il Sistema. L’unico, ma immenso, merito di Saviano è stato portare a conoscenza dell’opinione pubblica fenomeni pressoché ignorati dai media.
    E sai una cosa? Io spero davvero che Roberto se ne vada via, perché questa nazione non è degna di un sacrificio come quello che ha fatto lui. Sento da più parti gente che dice che in fin dei conti Saviano ha lucrato su questa vicenda ed è diventato ricco; cos’altro vuole? Perché si lamenta? E mi dico che, se non si riesce a capire che tutti quei soldi non possono essere equiparati alla perdita totale della propria libertà, ogni cosa è stata inutile.
    C’è un che di cristologico nella vicenda di Saviano, ma lui è un messia senza seguito reale e ad un suo eventuale sacrificio estremo non seguirebbe alcuna resurrezione, nemmeno metaforica. Quindi, che vada via e viva felice. Io glielo auguro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...