Dream commander

E' sempre stata una persona buona, onesta e leale.
Non ho mai nutrito il minimo dubbio nei suoi confronti.
E non ne ho neanche adesso.

Una notte sognai che stavamo entrambi in una stanza.
Io giocavo ai videogames.
La mia conoscenza  era in disparte, in un angolo, e mi voltava le spalle come nel finale di Blair Witch Project.

A un certo punto si spalancò la porta.
Entrarono degli energumeni dallo sguardo cattivo.
Mi girai verso la persona amica, e la vidi sorridere in modo sinistro.

Con un tono da cattivo di serie z, fece un lungo spiegone, nel quale mi confessò di aver pianificato per mesi, nel tentativo di mettermi in trappola, proprio in quel preciso modo, in quel posto, a quell'ora.

Gli energumeni erano al suo servizio, e mi avrebbero ucciso subito, tra atroci sofferenze.

La fiducia che ho per quella persona è talmente forte che quasi subito, sentendo quelle parole, capii di essere in un sogno.

Piuttosto che provare paura per il pericolo in cui versavo, scrutai con attenzione tutta la stanza, per scovare indizi o stimoli sensoriali in grado di rivelare la natura illusoria di ciò che stavo vivendo.

Gli energumeni però si avvicinavano sempre di più, tendendo le braccia nodose verso il mio collo.

Infastidito dalla loro opprimente presenza, che mi impediva di ragionare sul sogno, decisi di giocare secondo le regole del palcoscenico onirico in cui ero capitato.

Con abili mosse da eroe di film d'azione, sgusciai come un gatto fuori dalla presa dei miei persecutori, recuperai un tagliacarte e piombai dietro le spalle della mia conoscenza, puntandoglielo verso il collo.

Urlai verso gli energumeni di lasciarmi andare via, altrimenti l'avrei ucciso, per cui furono costretti a farmi passare.

Io e la persona amica corremmo via, per le strade illuminate di un Sabato sera in città. Tenevo il mio prigioniero per le maniche, puntandogli il tagliacarte alla schiena, e procedevamo incollati l'un l'altro.

Lo feci fermare nei pressi di un ponte, sullo sfondo di una città in festa, con tanto di fuochi d'artificio che esplodevano nel cielo.

Con la voce coperta dai botti e gli occhi pieni di sconcerto gridai ripetutamente, ansimando:

"Perché l'hai fatto? Eravamo amici!"

La persona amica rimase in silenzio qualche minuto. Poi mi guardò, cominciando a sorridere.

Le labbra si distesero lente,  come la scena di un film al rallentatore.

" Perché no? Nulla di personale, mi stavo solo annoiando. Tutto qui".

Aveva lo sguardo di un bambino crudele.

Il mio cuore fu assalito da una sensazione ambigua, tra il disgusto e l'orgoglio, per aver immaginato un essere simile.

Alzai la mano per colpire e vendicarmi.
Ma poi mi fermai, pensando che in quel modo gli avrei fatto solo un favore.
Nei suoi occhi mi sembrava di vedere addirittura la gioia e l'impazienza di essere giustiziato.

Ritenni molto più crudele abbandonarlo lì.

I fuochi d'artificio cessarono, e la città tornò lentamente al silenzio.
Vagai fino al mattino, confuso e inquieto.

Continuavo a darmi pizzicotti, schiaffi.
Ero sicuro che si trattasse di un sogno, ma non riuscivo a svegliarmi.
Alle prime luci del giorno, mi sedetti sulla scalinata di un edificio storico.
Ogni cosa, nel panorama attorno a me, mi comunicava sensazioni vivide, reali.

Era questa la cosa che mi turbava di più.
Essere in balia del sogno, non riuscire a trovare una via per il risveglio.

Riaprii gli occhi solo per caso, mentre stavo rimuginando, riprendendo il contatto col mondo reale a poco a poco.

La sensazione di malessere e impotenza si prolungò per tutto il mattino seguente.

Annunci

One thought on “Dream commander

  1. utente anonimo

    Esattamente quello che ho pensato io quand'è successo a me.
    Vendetta sì o vendetta no?
    Vendetta? …ma come?

    A volte la non-vendetta può tingersi d'un sapore più amaro di gesti scompigliati.

    A volte, eh.

    st3lly_d

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...