Editoriale

A Capo d'anno nessuno faccia empie ridicolaggini,
quali l'andare mascherati da giovenche o da cervi,
o fare scherzi e giochi,
e non stia a tavola tutta la notte né segua l'usanza di doni augurali o di libagioni eccessive.
Nessun cristiano creda in quelle donne che fanno i sortilegi con il fuoco,
né sieda in un canto, perché è opera diabolica".

Annunci
Papa Ratzinger, in visita in Africa, annuncia che il problema dell’Aids non si può superare con la distribuzione di preservativi.

"Anzi, addirittura questa soluzione non fa che aumentare i problemi " ha sentenziato il Primate d’Italia. "Serve invece un comportamento umano morale e corretto e una grande attenzione verso i malati: "soffrire con i sofferenti".

Per comportamente umano morale e corretto credo che intenda: non fate sesso.
E fin qui si capisce, in fondo è un uomo di Chiesa. E’ il suo mestiere combattere gli impulsi naturali dell’animo umano e fomentare disumani sensi di colpa.
Mi deluderebbe se affermasse il contrario, come un comico che all’improvviso si rifiutasse di eseguire per il pubblico il suo tormentone più famoso.

Più che altro non capisco il discorso sul preservativo che aumenterebbe i problemi. Non riesco a immaginare cosa voglia significare un’affermazione simile. Mi sembra un vero e proprio insulto a chi da anni investe risorse economiche e fisiche per la diffusione di norme igienico-sanitarie, e soprattutto dei milioni di morti per colpa dell’Aids in tutto il mondo, Africa compresa.

Al di la delle ciance, l
‘unico modo per combattere cose del genere rimane la prevenzione sanitaria, la diffusione della cultura, l’aiuto, economico e concreto, all’emancipazione economica delle nazioni arretrate. Sono cose che richiedono, a parte il tempo e voglia, tanti soldi.

Gli stessi che, probabilmente, servono per finanziare un tour mondiale all’insegna della disinformazione e della retorica più banale.

(Nella foto: il goldone del Dottor Manhattan).

La Buona(?) Novella

In occasione del prossimo  Comicon verrà presentato il primo numero di "Quel Sogno di Tanto Tempo Fa", un fumetto disegnato in un originalissimo stile shojo-manga, che si propone di raccontare l’infanzia del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Ecco qui alcune pagine di anteprima.

Non so voi, ma a me ricorda qualcosa. La trama di quelle due paginette di anteprima è uguale spiaccicata all’episodio evangelico di Gesù che si perde a Gerusalemme e viene ritrovato dai genitori mentre parla coi dottori del Tempio.

A questo punto non so se augurare all’autore buona fortuna come fumettista, come come futuro predicatore evangelico.

Pensieri rossi

"Dio me lo immagino come un pensiero rosso.
In mezzo alla testa ha una fiamma, che gli fa capire tutte le cose del mondo".

"L’altra sera ho sognato il diavolo.
Aveva i capelli biondi, come me, ed era tutto rosso. In fondo invece era tutto bianco, come i fantasmi, e non aveva i piedi. Io avevo paura, poi mi è passata.
Però pure lui era spaventato. Gli ho chiesto: "Ma tu… fai le cose cattive?"
E lui voleva rispondere, ma dalla bocca gli uscivano solo dei cerchietti di colore blu, e dalla testa usciva un pensiero rosso, a forma di nuvola. Un pensiero malvagio, che diceva:
"Se acchiappo Dio lo faccio a polpette, se acchiappo gli angeli gli do fuoco al sedere!".

(Chiara, una bambina)

Io non ti denuncio


Il governo ha varato un provvedimento col quale elimina il divieto di denunciare gli immigrati clandestini che si presentano in ospedale per farsi curare.
Ciò potrebbe incrementare la diffusione di malattie infettive nel nostro paese.

Emergency e Peacereporter  invitano i responsabili degli ospedali e dei centri di primo soccorso particolarmente sensibili all’etica dei diritti umani e dei valori trasmessi dal Giuramento di Ippocrate ad esporre un cartello, scaricabile in pdf a questo link, che ha lo scopo di rassicurare gli stranieri irregolari presenti in Italia e mostrar loro, con le parole e con i fatti, che questo paese sa ancora accogliere e riconoscere la ricchezza inestimabile che proviene dall’incontro tra diverse culture.


Attacco di Manicheismo isterico

Ricapitolando. Nel giro di una manciata di giorni:
-Si dimette il leader del principale partito d’opposizione.
-Lampedusa si combina peggio di Guantanamo.
-L’evasione fiscale aumenta a 250 miliardi di euro.
-Viene vagheggiata la possibilità di oscurare i siti internet.
-Le ronde di vigilantes vengono approvate dal governo.
-Un omofobo canta a Sanremo tra gli applausi commossi della brava gente.
-I sostenitori dell’eliocentrismo e della teoria sulla squadra di quattro nani che regge il cielo impedendogli di cadere si riorganizzano."In Italia possiamo riparlare di tutto. Riparliamone!(cit. Paola Cortellesi)
-Il capo del governo diventa più intoccabile e invincibile che mai, supera processi, mette le manacce sulla Costituzione, sputa in faccia alle vecchiette, piscia addosso ai bambini appena nati e nel frattempo fa le pernacchie e balla sopra la panza dei cadaveri.
-Quell’imbrattacarte di Rob Liefield disegnerà una miniserie di Killraven.

Cioè, praticamente il Male ha vinto.

"Quando Eluana non ci sarà più, rientrerò in una dimensione umana, perchè finora ho vissuto in una dimensione disumana.
Mia figlia è stata violentata, continuamente invasa nel suo corpo, oggetto di una violenza che lei avrebbe definito inaudita, inconcepibile e inaccettabile".

Beppino Englaro.

Il Tram millepiedi 2

Che poi, tutto questo denigrare i sogni mi pare esagerato.
Diciamocelo, i sogni sono l’ultimo dei problemi, e come tale potremo affrontarlo soltanto alla fine del tempo. Mi immagino Madama Morte, intenta a chiudere  per sempre il grande portone dell’universo…
A un certo punto  si volterà, e troverà davanti a sé tutti i Sogni degli Esseri Viventi, venuti lì apposta per romperle il culo.
Cosa potrà mai fare, armata solo di  quella stupida falce, che sembra buona al massimo per tagliare il grano?
A zappare! A zappare!
urleranno i Sogni. 
Madama Morte verrà esiliata sui Pirenei, a coltivare cereali per la prima colazione.
Lavorando sodo, mangiando cose sane e respirando aria salubre,  ritroverà l’incarnato roseo nelle guance. Si fidanzerà con un contadino del posto, un certo Fernandez.
I Sogni prenderanno il controllo del cosmo intero. Tutto quello che prima non si poteva fare, tipo pisciare sulla Luna, diventerà facilissimo, mentre quello che invece si poteva fare, beh… diventerà ancora più piacevole. Non ci saranno più epiloghi, cessazioni, conclusioni.
Non ci si dovrà  preoccupare che le cose finiscano proprio sul più bello.
Così il Più Bello, finalmente fuori pericolo, potrà uscire di casa per andare a passeggiare.
Tutti lo ammireranno e lo saluteranno felici, senza cadergli addosso.
Guardandolo sapranno, senza ombra alcuna di dubbio, che c’e. Che c’è sempre stato.
Qualcos’Altro.